domenica 10 giugno 2012

Festa dei Piccoli Comuni - Turano Lodigiano

Rassegna stampa da "Il Cittadino"

Il sindaco premia Silvano Bescapé e gli atleti guidati da Eva Albanesi 
Le benemerenze di Turano al re del click e al “Geko” 
 
turano Consegnate allo storico fotografo livraghino Silvano Bescapé le “chiavi” di Turano Lodigiano e all’associazione sportiva “Il Geko” la benemerenza civica 2012. Domenica pomeriggio a palazzo Calderari il sindaco Umberto Ciampetti, affiancato dal presidente del consiglio comunale Maria Luisa Guercilegna, e dall’assessore provinciale Elena Maiocchi, ha consegnato i due prestigiosi riconoscimenti cittadini al termine della Festa nazionale dei piccoli comuni. “Voler bene all’Italia”: questo lo slogan della giornata organizzata da Legambiente, Comune di Turano, Protezione civile Lombardia e Piccola grande Italia e presentata da Benedetta Versaci, tra mostre, convegni alla scoperta del territorio e giri in carrozza, il cui ricavato è stato devoluto ai terremotati dell’Emilia. Ed è proprio alle popolazioni colpite dal sisma che è andato il primo pensiero del sindaco Ciampetti. Queste persone hanno perso tutto, tutto tranne la voglia di lavorare, lottare e sollevarsi - ha dichiarato il primo cittadino - così venerdì ho disposto agli uffici comunali di dirottare l’intero contributo economico, 2mila euro, della commissione comunale ai gemellaggi, alla volta del Comune di Cavezzo, che è stato il più devastato di queste settimane. Credo sia un gesto che vale mille gemellaggi, mille parate - ha precisato il primo cittadino della borgata Ciampetti - e che unirà le due comunità: questo è quello che considero il senso di una nazione unita».Date lettura dell’appello per la coesione e il futuro del paese a tutela dei piccoli comuni italiani, la cerimonia è entrata nel vivo.Fotografo professionista da ormai mezzo secoloni, di Livraga, ma legato a Turano per amore di sua moglie Maria Miragoli, Bescapé è stato insignito della cittadinanza onoraria come fotografo e profondo conoscitore del territorio, della sua storia, della cultura e dell’arte, fondatore del museo della Fotografia di Cavenago. La benemerenza civica è andata invece alle atlete de “Il Geko”, associazione sportiva dilettantistica di psicomotricità, ginnastica artistica, acrobatica e acrogym nata nel 2007, guidate da Eva Albanesi. Si tratta di campionesse a livello nazionale. Dal 2009 ad oggi hanno conquistato 33 ori, 2 titoli nazionali, 23 argenti e 21 bronzi. Quest’anno poi la giovanissima Erica ha conquistato il titolo nazionale di ginnastica acrobatica, mentre Alice e Noemi sono arrivare terze nella specialità del volteggio.
Sara Gambarini

Fonte: Il Cittadino

Festa dei Piccoli Comuni - Secugnago


Festa dedicata ai piccoli Comuni, “Prendi un libro e offri un euro” 
Mostre ed eventi a Secugnago nell’ambito delle iniziative per la festa “Voler bene all’Italia» festa nazionale dei piccoli comuni della piccola grande Italia organizzata da Legambiente, sotto l’alto patronato della presidenza della Repubblica. Sabato 2 e domenica 3 giugno la Combattenti e Reduci di Secugnago ha organizzato la seconda edizione de “Il mercatino del libro usato” con lo slogan «Prendi un libro e offri un euro».
L’iniziativa è servita per promuovere la storica chiesina-sacrario dedicata ai caduti di Secugnago. Per l’occasione è stato possibile anche visitare, presso la sede, il piccolo museo storico- fotografico alla memoria degli ex Combattenti. Inoltre i giovani alunni della scuola primaria di Secugnago hanno dato una nuova vita ed una nuova “Gloria” a materiali ed oggetti inutilizzati creando nuove combinazioni e creazioni che sono state presentate in una mostra espositiva dal significativo battezzo di “Ricreando”. La mostra è stata inaugurata sabato 2 giugno presso la sala municipale di Secugnago dal sindaco Mauro Salvaglio, con la presenza di Teresa Negri preside dell’istituto Maria Scoglio di Livraga, delle insegnanti della scuola, dell’architetto Gianluca Carcagni assessore e coordinatore dell’evento e del vicesindaco Laura Reami. Da segnalare anche in piazza Matteotti un’esposizione di hobbisti e piccolo artigianato con le originali “Creazioni di Miri” giovane artista secugnaghese.

Fonte: Il Cittadino

Festa dei Piccoli Comuni - Orio Litta


La “Festa dei piccoli comuni” regala un defibrillatore 
Un vero successo, sia di eventi che di partecipazione.
E capace pure di centrare l’obiettivo benefico: raccogliere fondi utili all’acquisto di un defibrillatore a servizio del centro sportivo di Orio. Chiusura con il botto per la “Festa dei piccoli comuni” promossa da amministrazione e Legambiente: un applauso ha suggellato la chiusura dei conti definitivi, resi importanti dai mille euro ricavati dalla sottoscrizione della festa, dai 313 euro ottenuti dal mercatino dei giochi usati dei bambini, dai 140 euro racchiusi nella cassetta di raccolta offerte collocata nella strategica postazione delle massaie di “Nonsolocuoche”, bravissime nel deliziare tutti con distribuzione di polenta e zola e di risotto alle ortiche secondo la ricetta tipica di Orio. Un gruzzolo importante, a cui si andrà ad aggiungere il contributo già promesso dalla giunta e la libera offerta che ogni consigliere comunale potrà decidere di fare. Il tutto, per centrare l’obiettivo di una raccolta di almeno 2mila euro, risorse necessarie non solo all’acquisto di un defibrillatore, ma anche alla promozione e all’organizzazione di un corso ad hoc per impararne l’utilizzo. «Un grazie sincero davvero a tutti, ai partecipanti accorsi numerosi, alle tante associazioni che hanno contribuito alla bella riuscita di questa manifestazione - sottolinea il sindaco Pier Luigi Cappelletti -, testimonianza di come, quando le forze si uniscono, si riescano davvero a centrare obiettivi importanti di solidarietà e di socializzazione». Numerose le iniziative di gran richiamo, dalla esibizione di dog agility alla “yogurtata oriese”, dalla parata di strada “Un’ora sola ti vorrei” del gruppo teatrale Ensemble Lodi al concerto del Little Gospel Choir di Somaglia. Frotte di bambini anche per “Pony al trotto”, per un evento animato da bancarelle, stand, degustazioni, caramelle, gelati e gonfiabili per tutti.

Fonte: il cittadino

lunedì 4 giugno 2012

Rassegna stampa - Orio Litta e la Festa dei Piccoli Comuni









 Fonte: il Cittadino di Lodi www.ilcittadino.it

Il municipio di Orio Litta ha ospitato una conferenza sul tema: essenziale un’efficace rete distributiva  
I sapori lodigiani verso il mondo 
Un piano per la valorizzazione dei prodotti territoriali 
Orio Litta Bisognava vederli il 19 maggio scorso a San Siro, gli ospiti della tribuna d’onore andare in visibilio per la raspadüra e il salame lodigiano. Prodotti che approdano ogni giorno sulle nostre tavole e sono invece sconosciute a chi non sia passato per caso in questa terra di sapori e ricchezze che è il Lodigiano. Alla loro valorizzazione è stata dedicata la conferenza di ieri pomeriggio in sala consiliare a Orio Litta, relatori il presidente della provincia di Lodi Pietro Foroni con gli assessori alla viabilità Nancy Capezzera e alla cultura Mariano Peviani, il direttore del «Cittadino» Ferruccio Pallavera e il rappresentante di Legambiente Sergio Cannavò. Il sindaco Pierluigi Cappelletti ha fatto gli onori di casa, per poi passare la parola a Pallavera: «Credo che non ci sia posto migliore di questa sala per parlare delle tipicità del territorio - ha esordito il direttore -. Siamo in uno dei municipi più caratteristici del Lodigiano, una cascina che ha visto scorrere la storia agricola e produttiva della nostra terra». Densa di meraviglie da svelare e talenti imprenditoriali in grado di farlo. «È la seconda metà dell’Ottocento quando Paolo Polenghi scopre che il burro lodigiano è così buono che gli inglesi se lo sognano - racconta Pallavera riportando un aneddoto -. Bene, per trasportarlo da San Fiorano a Londra viene caricato su un treno, dentro una tinozza piena di barre di ghiaccio. Polenghi annota le stazioni dove viene ricaricato il ghiaccio lungo tutto il percorso e quando torna a San Fiorano, in sei mesi appena, in ognuna acquista una catapecchia e la trasforma in un locale per la sua fabbricazione». Intuizione, coraggio, inventiva, sono queste le carte da giocare. «Capire il Dna del territorio è fondamentale per compiere scelte mirate in una prospettiva a lungo raggio» ha convenuto Foroni citando poi l’ottima accoglienza dei formaggi e salumi lodigiani alla partita Unicef che si è giocata due settimane fa allo stadio Meazza. Perché non resti un caso isolato occorre però darsi da fare: «Bisogna creare una rete tra produttori e commercio - ha aggiunto - fare arrivare i prodotti lodigiani nelle mense scolastiche e nei centri della grande distribuzione territoriale con dei corner specifici. Dotarci infine di una struttura che si occupi degli ordini». Qualche esempio virtuoso già esiste, come le scuole di Orio Litta dove il grana e la raspadüra arrivano dal caseificio Zucchelli. Ma non basta. «Un cambio di mentalità è in atto - ha detto Capezzera - la pianificazione del territorio di cui mi occupo ha proprio lo scopo di accompagnarne lo sviluppo e raccontarne la storia». La riscoperta della via Francigena, il bike sharing come anello di una mobilità integrata sono trampolini di lancio. Però bisogna farli conoscere, e non mancheranno le occasioni: «A settembre tornerà Ultreya e lanceremo i “Sapori della via Francigena”» ha annunciato Mariano Peviani. Laura Gozzini

venerdì 1 giugno 2012

VOLER BENE ALL'ITALIA - ARTICOLO SUL CITTADINO



Appuntamento il 3 giugno a palazzo Calderari con mostre, convegni, riconoscimenti e giri in carrozza 
A Turano la giornata dei piccoli centri


Turano Lodigiano celebra la festa nazionale dei piccoli comuni. “Voler bene all’Italia”: questo lo slogan della giornata organizzata da Legambiente, Comune di Turano Lodigiano, Protezione Civile Lombardia e Piccola Grande Italia al palazzo Calderari per domenica 3 giugno tra mostre, convegni, scoperta del territorio, riconoscimenti civici e giri in carrozza.«“Voler bene all’Italia” è la festa dei piccoli comuni Italiani, organizzata da Legambiente insieme a un vasto comitato promotore di associazioni ed enti - ha spiegato Benedetta Versaci, responsabile dell’evento e attiva nel gruppo volontari di protezione civile -, si tratta di una grande giornata corale, sotto l’Alto Patronato del presidente della repubblica, ideata per valorizzare e celebrare le risorse dei nostri borghi, le loro tradizioni, i tesori e i talenti nascosti, insieme alla loro capacità d’innovazione e di sviluppo. L’obiettivo - aggiunge la responsabile Benedetta Versaci -? Difendere il futuro del nostro paese e rilanciare il ruolo dei piccoli comuni, tutelandone la comunità, la storia, la bellezza e la qualità dei territori».Per questo domenica 3 giugno presso lo storico palazzo Calderari di Turano, splendida residenza risalente al Seicento, anche Turano Lodigiano aprirà le porte a una grande giornata di ospitalità.Si parte alle 17 con il concerto del Duo Merveille de “I Solisti Laudensi”: al violino Abigella Voshtina, alla viola Fabio Merlini. Alle 18 è atteso invece il convegno “Vie di terra, di acque, vita di cascina”: storia di come le vie di comunicazione, le rogge, la vita della cascina fossero in armonia e intimamente legate al territorio lodigiano. È un'iniziativa a cura dell’unione nazionale ufficiali in congedo d’Italia.In occasione della festa dei piccoli comuni, Turano infine rende omaggio al livraghino Silvano Bescapé, fotografo e conoscitore del Lodigiano, conferendogli la cittadinanza onoraria, e attribuisce all’associazione sportiva dilettantistica MB Il Geco di Turano la benemerenza civica consegnata all’associazione e rivolta a tutte le ginnaste che con le loro vittorie portano in alto il nome del paese. L’appuntamento è fissato per le 18.30.Durante tutta la giornata sarà possibile visitare la mostra pittorica “Astrazione in natura” di Arianna Bianchi: esplorazione e ricerca cromatica della voce dell’anima. Per i più piccini, giro in carrozza alla scoperta di Turano e delle sue bellezze naturalistiche e architettoniche. Appuntamento quindi il 3 giugno. Sara Gambarini 

ARTICOLO SUL CITTADINO

PDF DAL SITO DEL CITTADINO

VOLER BENE ALL'ITALIA - FESTA DEI PICCOLI COMUNI A TURANO LODIGIANO

Voler Bene all'Italia e' la festa dei piccoli Comuni Italiani,organizzata da Legambiente insieme ad un vasto comitato promotore di associazioni ed enti. Una grande giornata corale,sotto l'Alto Patronato del Presidente della Repubblica,per valorizzare e celebrare le risorse dei nostri borghi,le loro tradizioni,i tesori e i talenti nascosti,insieme alla loro capacita' d'innovazione e di sviluppo. Per difendere il futuro del nostro Paese e' fondamentale rilanciare il ruolo dei piccoli comuni,tutelandone la comunita',la storia,la bellezza e la qualita' dei territori. Per questo DOMENICA 3 GIUGNO presso lo storico Palazzo Calderari,splendida residenza risalente al '600, anche Turano Lodigiano apre le porte ad una grande giornata di ospitalita' che offre itinerari in un'Italia inedita.

lunedì 21 marzo 2011

TEATRO ALLE VIGNE LODI

Il ciclo GREEN ECONOMY -economia fa rima con ecologia, organizzato dal Comune di Lodi

Lunedì 21 marzo, alle ore 21 Sala Carlo Rivolta, Teatro alle Vigne Via Cavour 66 -Lodi

Si terrà la presentazione del libro Green Life -La vita nelle città di domani di Maria Berrini e Andrea Poggio e con la Prefazionedi Filippo Solibello.

Per chi volesse saperne di più: sito dell'editore oppure della Mostra Green Life. Interviene il Sindaco di Lodi, Lorenzo Guerini.


posted from Bloggeroid

domenica 3 ottobre 2010

Articolo puliamo il mondo

Fonte: il cittadino -4 ottobre 2010
L’iniziativa denominata “Puliamo il mondo” ha riscosso grande partecipazione da parte dei lodigiani. Una cinquantina, provvisti di tanta volontà e del kit fornito dall’Astem, si sono dati appuntamento alle 9 di domenica per assolvere un impegnativo compito: ripulire un argine dell’Adda. A coordinare i lavori, il circolo Legambiente di Lodi. Anche quest’anno l’associazione si è messa all’opera per coinvolgere grandi e bambini in un’iniziativa di carattere internazionale. “Clean up the world”, infatti, coinvolge migliaia di volontari in tutto il mondo, ogni anno. «Se vuoi un mondo migliore, inizia dalla tua città», questo il motto dei volontari lodigiani. Così, indossati guanti, cappello e pettorina, i volontari, dopo il ritrovo in piarda Ferrari, sono stati suddivisi in sei gruppi con una propria zona d’azione per coprire un’area maggiore. Mentre l’associazione “Pescatori dilettanti” capitanata dal presidente Giancarlo Magli, si è spinta fino al Belgiardino, altri si si sono occupati della pulizia delle rive attinenti al parco delle Lavandaie, alla piarda Ferrari, alla roggia Gelata, all’area del Capanno e al sentiero che arriva fino alla tangenziale. Proprio quest’ultima si è rivelata la zona maggiormente degradata: lattine, pacchetti di sigarette e immondizie di vario genere sono state raccolte con grande pazienza dai volontari grazie a rastrelli e punzoni. Presso l’area del Capanno, invece, resti di bivacco e pic nic (avanzi di cibo, bottiglie); lungo la roggia Gelata, polistirolo e, addirittura, il copertone di una moto da cross. Grazie alla predisposizione di apposite sbarre, quest’anno, però, sono stati trovati un numero minore di rifiuti di materiale edile, a parte qualche piastrella nella zona dell’Isolabella. Tonnellate di rifiuti, quindi, sono stati raccolti grazie a tre camion. Anche quest’anno l’Erbolario ha offerto il suo prezioso contributo a favore dell’iniziativa. «Hanno collaborato tutti i dipendenti con le rispettive famiglie - spiega Dario Tansini, presidente del circolo Legambiente di Lodi - e anche il patron Franco Bergamaschi. Ringrazio anche il Comune di Lodi per il patrocinio e l’Astem perché ci garantisce un indispensabile appoggio. Il nostro obbiettivo è sensibilizzare i cittadini alla salvaguardia dell’ambiente. Vorremmo che lo smaltimento dei rifiuti diventasse una problematica maggiormente sentita da tutti. Abbandonare i rifiuti è segno di inciviltà».L. M.


- Posted using BlogPress from my iPhone

giovedì 23 settembre 2010

PULIAMO IL MONDO 2010




Puliamo il Mondo è l'edizione italiana di Clean Up the World, il più grande appuntamento di volontariato ambientale del mondo. Dal 1993, Legambiente ha assunto il ruolo di comitato organizzatore in Italia ed è presente su tutto il territorio nazionale grazie all'instancabile lavoro di oltre 1000 gruppi di "volontari dell'ambiente", che organizzano l'iniziativa a livello locale in collaborazione con associazioni, comitati e amministrazioni cittadine.

Puliamo il Mondo è un'iniziativa di cura e di pulizia, un'azione allo stesso tempo concreta e simbolica per chiedere città più pulite e vivibili.

Puliamo il Mondo 2009: un grande esempio di integrazione

Alla sedicesima edizione di Puliamo il Mondo hanno aderito 1.700 comuni e circa 700.000 volontari - tra famiglie e associazioni, insegnanti e studenti - che si sono rimboccati le maniche per ripulire 4.500 aree da rifiuti abbandonati. L'edizione 2009 di Puliamo il Mondo è stata la dimostrazione tangibile che l'unione fa la forza. Numerosi appuntamenti infatti si sono svolti all'insegna dell'integrazione e della pacifica convivenza tra le comunità presenti nel nostro Paese.

A LODI
Ritrovo in Piarda Ferrari il 3 OTTOBRE 2010 alle ore 9.00
registrazione partceipanti
pulizia delle sponde del Fiume Adda
ritorno ore 13.00
rinfresco

L'iniziativa gode del patrocinio del Comune di Lodi, assessorato all'Ambiente.
Si ringrazia per la partecipazione e collaborazione L'Erbolario Lodi, ASTEM Lodi e l'Associazione Pescatori Dilettanti di Lodi

Spot di Puliamo il Mondo

martedì 25 maggio 2010

UN NO DECISO E CORALE CONTRO LA LEGGE BAVAGLIO


Quando si smetterà di tutelare gli interessi dei "furbetti" e della "mala" a scapito dei liberi cittadini di questo stato?


Comunicati stampa LEGAMBIENTE
Fonte: www.legambiente.eu
25/05/2010 15:07 Depotenziare le intercettazioni è immenso regalo alle ecomafie
Scandali ambientali svelati da questo strumento d’indagine


“I grandi scandali ambientali, dal cemento impoverito, alle navi dei veleni e altri traffici di rifiuti, sono stati svelati da intercettazioni telefoniche. Depotenziare questo strumento d’indagine significa fare un immenso regalo alle ecomafie”.
Sebastiano Venneri, vicepresidente di Legambiente e responsabile dell’Osservatorio Ambiente e Legalità, commenta così il disegno di legge sulle intercettazioni la cui discussione in Aula al Senato è stata fissata al 31 maggio.
Ricordiamo, per fare solo qualche esempio, la famosa intercettazione del dialogo tra due boss, in merito a rifiuti tossici scaricati in mare, contenuta negli atti delle inchieste della Direzione Investigativa Antimafia: “Basta essere furbi, aspettare delle giornate di mare giusto, e chi vuoi che se ne accorga? - E il mare? - Ma sai quanto ce ne fottiamo del mare? Pensa ai soldi, che con quelli il mare andiamo a trovarcelo da un’altra parte…”.
Ma anche l’inchiesta “Arca”, della Dda di Reggio Calabria sui lavori della Salerno-Reggio Calabria, in cui uno dei tecnici intercettati dai magistrati, alla richiesta di un operaio che prospetta aumenti di costi in un cantiere, risponde: “No, no, no, mettigli mondezza, mettigli porcherie, tutto quanto...”. E più avanti: “Là stanno proseguendo, dovrebbero essere a buon punto, perché ieri ho fatto il conto e hanno portato circa 800 metri cubi solo ieri. Di mondezza”.
Sempre in provincia di Reggio Calabria, durante la costruzione della scuola pubblica Euclide di Bova Marina, viene intercettata la conversazione tra il boss del reggino Salvo Corsaro e il suo compare Terenzio D’Aguì: “Metti meno cemento e più sabbia” raccomanda il primo. E quando l’altro protesta per l’imbroglio, lo fa solo perché con troppa sabbia metterebbe a rischio non la vita degli scolari, ma la pompa idraulica: “A 200 chilogrammi non lo pompa, e che meno di 250 chilogrammi non lo può pompare perché altrimenti rischia di bruciare una pompa del valore di 300 mila euro per gettare il cemento a 200 chilogrammi”.
Proprio grazie a intercettazioni come queste sono stati scoperti traffici e reti di illegalità e portate avanti indagini importanti. Ecco perché Legambiente si appella ai parlamentari e a tutte le forze politiche affinché venga salvaguardata la possibilità di intercettare, per non compromettere la possibilità d’azione della giustizia, per la tutela del bene comune e contro le ecomafie.

link utili
FIRMA LA PETIZIONE ONLINE CONTRO LA LEGGE BAVAGLIO

comunicato 100 strade per giocare


100 strade per giocare 2010
ottava edizione 23 maggio 2010
dalle 10.30 alle 17.00
piazza omegna e via colombo (quartiere san fereolo) a Lodi

In tutta Italia Legambiente dà spazio e voce a tutti i bambini, proprio tutti! L'edizione 2010 sarà dedicata, infatti, al tema della mobilità: giochi tradizionali per una riappropriazione comune del territorio, delle strade e delle città. Per dire che per chiunque la sicurezza è poter attraversare una strada senza rischiare di essere investiti, camminare su un marciapiede senza essere ostacolati dalle automobili in sosta selvaggia, respirare senza pericoli per la salute derivanti da traffico e smog...
100 Strade per Giocare, quindi non solo come momento per goderci una città più bella e pulita ma un'opportunità per restituire strade e piazze ai cittadini, per ripensare gli spazi pubblici in modo che siano più fruibili da tutti, per promuovere ed incentivare una mobilità più sostenibile che tenga conto anche delle esigenze dei più piccoli.
Insomma, come tradizione vuole da 15 anni, 100 Strade per Giocare... sarà una festa per tutti, grandi e piccoli, senza esclusioni.
In Lodi l'iniziativa giunta ormai alla sua ottava edizione, viene proposta per il secondo anno consecutivo nel quartiere di San Fereolo, confermando la proficua collaborazione cone con il doposcuola popolare dell'associazione Pierre. Il Circolo Lodiverde crea grazie a queste iniziative sinergie positive con le realtà che direttamente vivono il quartiere e lo modificano nel continuo e costante impegno verso il miglioramento.
Le problematiche legate all'iniziativa sono problematiche ormai comuni in molte zone della città, si va dalle auto quotidianamente in divieto su strisce pedonali e ciclabili, al problema del traffico, della piccola mobilità e del rispetto delle basilari regole del codice della strada. il quartiere ha certamente punti di forza e debolezze che i residenti conoscono bene: ad esempio il parchetto nella zona della muraglia viene ancora trascurato ma si tratta di un intervento che ha grandi potenzialità per i residenti. Buoni risultati anche sull'introduzione del doppio senso per la pista ciclabile e sullo stesso parchetto, inoltre nel quartiere è presente anche un centro di aggregazione giovanile. Le premesse per un quartiere finalmente a misura d'uomo ma soprattutto di bambino ci sono tutte.
Durante la giornata saranno presenti almeno una ventina di animatori di Legambeinte che faranno giocare i giovani di ieri e di oggi sia con i "classici" giochi di strada (mondone, bandiera...) sia con giochi realizzati grazie all'impegno serale dei soci (sotto la supervisione di Annamaria e Rossella), che hanno approntato e preparato novità quali il minigolf, il domino gigante, realizzati interamente con materiali di recupero e personalizzati in occasione dell'iniziativa.
Esempi di giochi: bowling, shangaii gigante, mondone, domino gigante, memory gigante, minigolf, twister.
Sempre nel quartiere contestualmente è stata preparata una mostra fotografica sul realizzata in collaborazione del doposcuola, in grado di mostrare per immagini gli aspetti negativi e positivi del quartiere, esclusivamente dal punto di vista dei bambini che lo vivono.
Altre attività previste: laboratorio creativo con legno di recupero.
merenda alle 16:30 con prodotti offerti dai negozianti del quartiere e dagli abitanti
giocolieri di strada L'iniziativa gode del patrocinio Comune di Lodi e della collaborazione con L'Erbolario Lodi, ed è stato grazie e soprattutto alle realtà dislocate nel quartiere che viene realizzata; sono proprio gli stessi
piccoli commercianti quali Dolce Lodi, il Punto SMA Zibardi, il Bar Trattoria Giardino, il Panificio Volpi, il fruttivendolo Giusy e Lella, a portare un contributo a 100 strade con i prodotti per la merenda dei bambini.

sabato 22 maggio 2010

venerdì 21 maggio 2010

100 strade per giocare - 23 maggio


In tutta Italia Legambiente dà spazio e voce a tutti i bambini, proprio tutti! L’edizione 2010 è dedicata, infatti, al tema della mobilità: giochi tradizionali per una riappropriazione comune del territorio, delle strade e delle città. Per dire che per chiunque la sicurezza è poter attraversare una strada senza rischiare di essere investiti, camminare su un marciapiede senza essere ostacolati dalle automobili in sosta selvaggia, respirare senza pericoli per la salute derivanti da traffico e smog…
100 Strade per Giocare, quindi non solo come momento per goderci una città più bella e pulita ma un'opportunità per restituire strade e piazze ai cittadini, per ripensare gli spazi pubblici in modo che siano più fruibili da tutti, per promuovere ed incentivare una mobilità più sostenibile che tenga conto anche delle esigenze dei più piccoli.

Insomma, come tradizione vuole da 15 anni, 100 Strade per Giocare… sarà una festa per tutti, grandi e piccoli, senza esclusioni.

Eccoci giunti all'ottava edizione di 100 strade per giocare in LODI.

DOMENICA 23 MAGGIO 2010, dalle 10.30 alle 17.00

Piazza Omegna e Via Colombo (quartiere San Fereolo, Lodi)

Giochi per grandi e piccini!

shangai gigante, twister, minibowling, domino gigante, minigolf, mondone, memory gigante, laboratorio creativo, giga scacchiera e tanto altro!


e inoltre: clown, giocolieri, piccola mostra fotografica sul quartiere e momento creativo con materiale di recupero a cura di Alfano (street artist)

L'iniziativa è realizzata con il patrocinio del Comune di Lodi, grazie a Erbolario Lodi e in collaborazione con il Doposcuola Popolare (Associazione Pierre)

n tutta Italia Legambiente dà spazio e voce a tutti i bambini, proprio tutti! L’edizione 2010 sarà dedicata, infatti, al tema della mobilità: giochi tradizionali per una riappropriazione comune del territorio, delle strade e delle città. Per dire che per chiunque la sicurezza è poter attraversare una strada senza rischiare di essere investiti, camminare su un marciapiede senza essere ostacolati dalle automobili in sosta selvaggia, respirare senza pericoli per la salute derivanti da traffico e smog…
100 Strade per Giocare, quindi non solo come momento per goderci una città più bella e pulita ma un'opportunità per restituire strade e piazze ai cittadini, per ripensare gli spazi pubblici in modo che siano più fruibili da tutti, per promuovere ed incentivare una mobilità più sostenibile che tenga conto anche delle esigenze dei più piccoli.
Musica , spettacoli e danze.
Insomma, come tradizione vuole da 15 anni, 100 Strade per Giocare… sarà una festa per tutti, grandi e piccoli, senza esclusioni.

NON MANCATE

mercoledì 12 maggio 2010

NO NUKE!!!!!!




Il nucleare in Italia non serve
La crisi economica ha rallentato la crescita dei consumi elettrici e reso più rilevante l’apporto delle fonti rinnovabili che potrebbero produrre nel 2030 dal 39 al 45% dell'elettricità consumata. In questo scenario, viste le nuove centrali convenzionali in costruzione e già progettate, non c'è spazio di domanda aggiuntiva per nuove grandi centrali nucleari almeno fino al 2030. A sostenerlo è il rapporto "Scenari elettrici post crisi al 2020 e 2030" redatto dalla Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile.
Lo studio analizza due scenari elettrici alternativi: uno più ottimista (scenario blu) che prevede un miglioramento di efficienza energetica e uno più pessimista (scenario grigio) che ipotizza un peggioramento dell'efficienza energetica nel settore elettrico. In entrambi i casi si prevede un forte aumento delle fonti rinnovabili che, mantenendo il trend di crescita in atto, raggiungerebbero nel 2020 la produzione di circa 107 miliardi di chilowattora e potrebbero poi superare 165 TWh nel 2030.
Il Rapporto reputa più probabile lo scenario blu perché coglie tendenze già avviate prima della crisi. Nell’ipotesi quindi di una crescita dell’efficienza elettrica (scenario blu), l'incremento dei consumi di elettricità sarebbe dimezzato rispetto al decennio precedente. Con questo scenario si ritornerebbe ai consumi elettrici pre-crisi (del 2007) solo nel 2020. Nello scenario blu migliorerebbe l'efficienza energetica del Pil (da 261 chilowattora ogni mille euro di Pil nel 2010, a 240 nel 2030), vi sarebbe una riduzione della produzione di elettricità da combustibili fossili e le emissioni di CO2 si ridurrebbero, rispetto al 2005, del 20% nel 2020 e del 26,7%% nel 2030. In questo contesto servirebbero centrali elettriche con una potenza totale di 70,6 GW nel 2020 e 77 GW nel 2030. Ad oggi sono già funzionanti centrali per 76 GW e grazie a quelle nuove in costruzione si potrebbe giunger a un eccesso di capacità produttiva di elettricità che renderebbe superfluo e quindi rinviabile la costruzione delle altre centrali già progettate e in fase avanzata di autorizzazione.
Nello scenario grigio, invece, si registrerebbe una crescita del consumo di elettricità significativo, ma comunque minore di quella del decennio pre-crisi, con un peggioramento dell'efficienza elettrica del Pil. In questo scenario aumenterebbe la produzione di elettricità da combustibili fossili e le emissioni di CO2 diminuirebbero in modo insufficiente: nel 2020 del 10,3% rispetto al 2005, la metà rispetto agli obiettivi europei del 2020. Il fabbisogno di potenza elettrica al 2020 per fornire l'elettricità richiesta alla rete sarebbe di circa 76 GW che può essere soddisfatto con le centrali esistenti e con le nuove centrali termoelettriche convenzionali, per circa 5,2 GW, già in costruzione. Nel 2030 il fabbisogno di potenza elettrica sale a circa 87,6 GW: con l'aggiunta degli ulteriori impianti già autorizzati e non ancora in costruzione e quelli con progetti definiti ed in fase avanzata di autorizzazione, si potrà coprire tranquillamente il fabbisogno di potenza elettrica a quella data.
Secondo la Fondazione per lo Sviluppo Sostenibile in entrambi gli scenari il fabbisogno di energia elettrica potrebbe essere soddisfatto senza fare ricorso al nucleare. Dopo i cambiamenti in parte prodotti, in parte accelerati, dalla crisi, viste le nuove centrali convenzionali in costruzione o già in fase di autorizzazione e visto lo sviluppo delle rinnovabili, non c'è spazio per un forte aumento della potenza elettrica installata come quella di nuove centrali nucleari, almeno fino al 2030. Il Rapporto suggerisce poi, per il 2020 e per il decennio successivo, di non puntare sul nucleare e per ridurre ulteriormente le emissioni di CO2, converrebbe sviluppare e applicare alle centrali a carbone esistenti la cattura e sequestro della CO2(CCS): una tecnologia innovativa, con grandi potenzialità di sviluppo.

Fonte:
Legambiente

mercoledì 3 marzo 2010

rIFIUTI eLETTRONICI? Lasciamoli pure di fianco ai cassonetti...

 

Le aziende produttirci di Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE) sono obbligate dal DL 25 luglio 2005 e successive proroghe a smaltire di tasca propria il materiale prodotto di competenza. Quindi tutti noi, a partire dal primo di gennaio 2008 siamo obbligati a pagare un eco-contributo RAEE sui prodotti elettrici ed elettronici che acquistiamo. Frigoriferi, televisori, lavatrici, PC, lampadine inquinanti, apparecchi di illuminazione, ecc. dovranno essere opportunamente raccolti e successivamente smaltiti o riciclati in aziende specializzate, il tutto gestito da consorzi di aziende tipo Ecolamp ed Ecolight.
Sarà il cliente finale a dover portare il materiale dismesso presso i centri di raccolta: isole ecologiche (Vedi Astem) e rivenditori.
Ma ci sono alcune perplessità...il 21 dicembre 2007 è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il Decreto Legge Milleproroghe, 248/2007, contenente l’emendamento proposto da Federdistirbuzione che, in materia di Raee (rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), sospende l’obbligo della distribuzione commerciale di ritirare il prodotto dismesso dal consumatore a fronte dell’acquisto di un nuovo prodotto. (Primo salto di gioia!!!)
Tale adempimento rimane sospeso fino a quando non verrà approvato un decreto di semplificazione che consentirà una gestione meno onerosa del ritiro e dello stoccaggio dei Raee presso i punti di vendita o depositi. (certo, detto così suona talmente troppo complicato... cosa significa che i distributori commerciali hanno l'obbligo del ritiro? hummm meglio farci una legge ad hoc e ritardare di un bel po' quest'obbligo...)
E qui vien già da ridere perchè l’utente finale dovrà portare con mezzi propri il materiale, magari ingombrante, ai punti di raccolta. Ma tanto ci siamo abituati e continueremo a farlo giusto?
Un’altra cosa sulla quale riflettere è la raccolta delle sorgenti luminose inquinanti (es lampadine a risparmio energetico) a livello casalingo (escluso cioè gli installatori o le municipalizzate): dove vanno gettate? è necessario portarle in isola ecologica o ricicleria?
Intanto però per il momento continuiamo a crogiolarci di immagini di emeriti ignoranti che sono convinti che basta mettere qualsiasi cosa di fianco a un cassonetto che tanto prima o poi qualcuno la raccoglierà... naturalmente questo tv non verrà recuperato ne' smaltito correttamente, perchè se inserito insieme con il rifiuto indifferenziato, quasi certamente andrà a finire in una discarica...o in un inceneritore...chissà
Posted by Picasa

Altri parcheggi vergognosi

 
Posted by Picasa

Differenziata? Si grazie

 
Posted by Picasa